Riconoscimenti

15 Ottobre 2008

Gambero Rosso 2009 Vini d'Italia 2009

La bellezza dell'az. di Paolo e Noemia d'Amico non è mai stata in discussione. Situata nell'Alta Valle del Tevere, a strapiombo sui Calanchi, curatissima dal punto di vista estetico, fino a qualche anno fa rischiava di essere ricordata più per queste, pur gradevoli caratteristiche che per l'effettiva qualità della produzione vinicola. Le cose tuttavia in questi ultimi anni sono cambiate, e non poco. Come avevamo anticipato l'anno scorso infatti, la produzione della d'Amico cresce in qualità e precisione stilistica, tanto da ragiungere le nostre finali con due vini, entrambi da uve chardonnay in purezza. La versione maturata in legno, il Falesia '06, ci è sembrata la migliore di sempre: profumi balsamici, di agrumi e di fiori bianchi e un palato finalmente non coperto dal legno, anzi ricco e teso, con note floreali, pulito e leggermente aromatico. Si conferma ad alti livelli il Calanchi di Vaiano, maturato in solo acciaio, che nella versione 2007 propone un naso complesso, in cui si susseguono sentori di mandorla, albicocca e ruta, e un palato coerente, teso, minerale e agrumato, fresco e lungo. Buoni gli altri vini, con una particolare menzione per il Seiano Rosso'07, blend di uve merlot e sangiovese ben eseguito e ricco di frutto. 
Torna indietro